Vai al contenuto
Home » Giornale del Buyer » Category Management come creazione del valore aziendale

Category Management come creazione del valore aziendale

Il Category Management si sta rapidamente diffondendo all’interno delle strutture acquisti di molteplici aziende.

Il motivo di questo successo è legato alla creazione del valore che si riesce ad ottenere adottando tale processo.

Il Category Management infatti, grazie alla sua impostazione ed alla sua missione, riesce a generare nuove opportunità per l’ azienda, oltre che apportare evidenti benefici organizzativi ed economici.

In uno dei nostri articoli (clicca qui per andare a leggere l’articolo in questione) ti abbiamo già illustrato cosa sono le categorie e come gestirle.

Ma partendo dalle basi, la prima domanda a cui vogliamo darti una risposta è la seguente:

Cos’è il Category Management nel Procurement?

Se hai mai fatto delle ricerche online inerenti al Category Management, avrai sicuramente notato che ne esistono due tipologie , il che potrebbe creare qualche dubbio ai meno ferrati sull’ argomento.

La tipologia di Category Management, che andiamo a discutere in questo articolo, è quella relativa al Procurement, cha non va confusa con l’ altra tipologia, cioè quella relativa al marketing ed alle GDO.

Nel Procurement il Category Management è, per definizione, un processo aziendale che sviluppa un approccio strategico all’approvvigionamento in cui beni e servizi sono raggruppati in categorie, in base a caratteristiche o dinamiche di mercato simili.

Queste categorie vengono poi gestite come singole business unit per massimizzare il valore e ridurre i rischi.

Quando e come stabilire il Category Management?

Iniziamo col dire che la necessità di impostare un processo di Category Management dipende molto dalla tipologia e dimensioni dell’azienda.

Inoltre, tieni presente che tale processo potrebbe essere implementato in due modi:

  1. sviluppato e gestito da una struttura dedicata, quella di Category Management appunto, che generalmente rappresenta un ramo della funzione degli acquisti o del Procurement aziendale.
  2. integrato nella struttura acquisti esistente, dunque senza la necessità di creare una struttura dedicata.
    Generalmente, nelle aziende più grandi o comunque aziende che eseguono attività acquisti in maniera rilevante, assistiamo alla implementazione di un Category Management dedicato, con la conseguente creazione di figure professionali specifiche, quali i Category Manager.

Aziende più piccole, o che acquistano relativamente poco, potrebbero non presentare la necessità di strutturare una funzione dedicata.
Questo però non esclude che anche un azienda con queste caratteristiche possa trarre ottimi benefici. 

In che modo il Category Management crea valore?

Figura 1 - Category Management nel Procurement
Fig. 1 – Category Management nel Procurement

Il valore aggiunto del Category Management è quello di riuscire a definire, attraverso la costruzione di una Category Strategy, delle vere e proprie linee guide che indirizzeranno negli anni non solo le attività degli acquisti, ma anche quelle di altre funzioni, come ad esempio:

  • ufficio tecnico
  • ricerca e sviluppo
  • qualità
  • logistica

Come Category Manager, dovrai analizzare la tua categoria merceologica e il relativo parco fornitori, mettendo il tutto in un contesto di business a lungo termine, eseguendo ad esempio:

  • analisi interna (ad esempio spend, obiettivi, sviluppo della categoria,…)
  • analisi esterna (ad esempio profili dei fornitori, competitività e maturità del mercato,…)
  • analisi TCO (dunque valutare tutti gli aspetti di costo che impattano la categoria)
  • valutazione del rischio (ad esempio la geopolitica, rischi legati alla fornitura)

Tutte queste valutazione e molto altro confluiranno all’interno della tua strategia, con la quale andrai a definire i punti di forza e di debolezza della tua categoria, e dalla quale partirai per definire un piano di sviluppo a lungo termine con la definizione di chiare azioni da intraprendere.

Alcuni esempi delle possibili azioni scaturite da una strategia:

  • stabilire Partnership con determinati fornitori
  • standardizzazione della componentistica
  • introduzione nuovi fornitori in aree geografiche soggette a minor rischio geopolitico
  • passaggio a nuova generazione di componentistica per aumentare la competitività tecnologica
  • ottimizzazione batch di acquisto per ridurre TCO (del quale abbiamo parlato nel nostro articolo TCO)

Una volta che avrai disegnato una strategia chiara e con specifiche azioni, potrai consegnare nelle mani dell’azienda un lavoro di enorme valore. Avrai infatti creato delle solide fondamenta sulle quali basare gli sviluppi futuri di business, garantendo:

  • solidità ed efficienza della supply chain
  • competitività tecnologica
  • competitività economica

Ma attenzione, perché il Category Management può essere un successo o una disfatta, a seconda di come lo si esegue.

Avrai infatti compreso che per poter ricoprire il ruolo di Category Manager devi avere:

  • ampio bagaglio di esperienza e conoscenza del prodotto
  • estesa visione di insieme
  • ottima capacità di analisi
  • capacità di stakeholder management

Sottovalutare la complessità di questo ruolo e delle attività che ne comportano, potrebbe causare delle serie conseguenze per l’azienda.

Come detto, l’ azienda seguirà le linee guida definite dal Category Manager: se la tua strategia è ben fatta genererà nel tempo un ritorno per l’ azienda notevole. Al contrario, una strategia sbagliata potrebbe rivelarsi un duro colpo.

Alcune raccomandazioni per evitare di ritrovarti in una situazione spiacevole:

  • intervista ed ascolta attentamente il Management, per comprendere bene gli obiettivi aziendali a lungo termine
  • intervista tutti gli stakeholder per comprendere le attuali difficoltà e per carpire utili informazioni
  • parla con i fornitori, cercando di comprendere le loro posizioni e quali opportunità possono essere intraprese

Un ultimo consiglio, sulla base di esperienze personali: se ti trovi in una azienda in cui il Category Management è una funzione nuova o in divenire, aspettati di incontrare non poche resistenze e difficoltà da parte degli atri enti aziendali a comprenderne il reale valore aggiunto.

Non scoraggiarti, sarà una grandissima opportunità per te per dimostrarne il vero valore.

Benissimo, siamo giunti alla fine: il Category Management è uno strumento molto potente per le aziende che può davvero generare del valore.

Con questo articolo abbiamo voluto darti una panoramica di tutto quello che può ruotare attorno a questo argomento che, essendo molto ampio, meriterebbe di essere approfondito.

Facci sapere nei commenti se questo articolo ti è stato utile e la tua personale esperienza nell’ambito del Category Management!

Ci troviamo al prossimo articolo e nel frattempo continua a seguire la line dell’acquisto efficace,
segui Buyer’s Line!
A presto

Fonti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *